2 febbraio 2015

Acqua, ossigeno e radiazioni, la ricetta della radioterapia (#biocomichexAIRC)

Al giorno d’oggi, le cellule tumorali non hanno una vita facile. La ricerca tira fuori ogni anno nuovi modi per aggredirle, e nella maggior parte dei casi con intenti assassini.
Questo non significa, però, che siano solo i nuovi metodi a portare avanti la lotta contro il cancro. Anche vecchie glorie come la chemioterapia e la radioterapia continuano a ottenere ottimi risultati, e anzi si evolvono con il passare del tempo, diventando sempre più efficienti.

La radioterapia attacca i tumori inondandoli con una pioggia di radiazioni molto energetiche, chiamate radiazioni ionizzanti. Queste abbrustoliscono per bene le cellule tumorali, danneggiando la loro parte più sensibile: il DNA.


La vignetta di Iacopo Leardini