6 luglio 2013

Combattere la cellulite: laser, creme e macchine impastatrici

Quando Dio creò il mondo, diede ad ognuno la sua pena. Agli uomini mise i peli dentro il naso (e ad alcuni anche nelle orecchie). Alle donne invece diede la cellulite.

Se si escludono poche marmoree eccezioni (di solito in età scolare), praticamente tutte le donne hanno una qualche forma di cellulite: magari visibile solo con apposito pizzicamento della pelle, o solo in particolari posizioni, oppure talmente profonda da trasparire attraverso le calze a 50 denari. Gli uomini, invece, ne sono praticamente esenti.

Essendo una condizione pressoché universale della natura femminile, e soprattutto non avendo alcuna conseguenza sulla salute (almeno quella fisica), la cellulite è considerata dalla scienza medica un fenomeno fisiologico. Per molte donne, invece, è una lotta senza quartiere ma senza speranza, alla quale tuttavia bisogna sacrificare tutto, compresa la voglia di vivere (e di mangiare).

cellulite cure ritenzione idrica fandonie vignetta
Vignetta creata da Rossella Valente per biocomiche.it
Stando così le cose, è facile capire perché di metodi per combattere e sconfiggere la cellulite ne fioriscano a migliaia. Ci sono le creme contenenti caffeina o aminofillina  che stimolano l'eliminazione del grasso sottocutaneo, e quelle al retinolo che rendono la pelle più spessa ed elastica; le iniezioni di fosfatidilcolina, che lava via il grasso funzionando come un sapone; la liposuzione, per rimuovere con le maniere forti il grasso accumulato; i massaggi "linfodrenanti", e le macchine massaggiatrici a risucchio che sembrano impastatrici per il pane.

combattere la cellulite laser creme vignetta
Presa da workathomebeauty.com
Infine ci sono le tecniche più recenti, che si posizionano ai due estremi del regno fisico: il laser che surriscalda le chiappe, bruciando il grasso; e uno strumento che raffredda la pelle a temperature sotto lo zero, distruggendo le cellule che contengono il grasso senza danneggiare la cute (almeno nei porcellini d’india).

Il grasso d'altronde non è l'unico problema: il mondo è pieno di ragazze magre con la cellulite, e non mancano neanche donne in carne che ne sono prive. Certo, il controllo del peso e l'attività fisica sono importanti, ma anche i muscoli sodi non sono una garanzia di salvezza.

Il fatto è che non si sa esattamente cosa provochi la cellulite. Negli anni '70 uscì un articolo che confrontava le caratteristiche del grasso nelle donne con o senza cellulite e negli uomini (che ne sono privi); ma da allora in poi non si sono fatti grandi passi avanti.
L'idea proposta era che il grasso che si trova immediatamente al di sotto della pelle tende in ben note e cruciali zone del corpo a incunearsi all'interno dello strato soprastante, formando delle creste che danno al tessuto un profilo ondulato. Queste creste sarebbero la causa delle fossette visibili sulla superficie, cioè del famigerato effetto a buccia d'arancia.

cellulite pelle a buccia d'arancia vignetta
Presa da enzocosta.net
Sono stati sezionati cadaveri, sono state fatte risonanze magnetiche, sono stati asportati pezzi di cellulite a fanatici volontari, ma restano molti dubbi che questo sia davvero il meccanismo alla base del problema.

Alcuni si lanciano allora in teorie alternative che parlano di problemi circolatori, infiammazione e – inevitabilmente – ritenzione idrica. Eppure, a giudicare dai pochi dati disponibili, queste ipotesi sembrano senza fondamento: non si nota nessun aumento di liquidi nel grasso delle donne affette da cellulite.
Un'altra possibilità è che il problema non risieda nel grasso sottocutaneo, ma nella cute stessa. Se sufficientemente spessa e resistente (come è negli uomini), questa impedirebbe al grasso sottostante di protrudere e di rendere la pelle così spiacevolmente accidentata.

Una cura per la cellulite al momento non c'è: quando la inventeranno ce ne accorgeremo subito, perché farà più scalpore del viagra. I trattamenti attualmente in uso sono in gran parte assolutamente inutili, anche se in alcuni casi (soprattutto con il laser) si può avere qualche miglioramento di durata incerta. Questo basta a far si che molte donne investano tempo, denaro e sofferenze in costosissime avventure in eleganti cliniche estetiche; e che lo facciano con soddisfazione.

Se non ve la sentite di arrivare a tanto, consolatevi pensando che un male così comune è quasi una consolazione. E a quegli uomini che cercano donne rigorosamente cellulite-free, consigliate di fare attenzione: rischiano di imbattersi anche loro in una ruby, o in una stangona dai fianchi stretti, con una sorpresa tra le gambe.
Altre Fonti